L’ironia di Simona Marchini unita ad un testo di Riccardo Pazzaglia per raccontarci una formula scaramantica napoletana per scacciare l’incubo che domina questi nostri giorni